Unica Radio Podcast show

Unica Radio Podcast

Summary: Radio degli studenti universitari di Cagliari. Mission del media è raccontare il movimento culturale e la città nei suoi molteplici aspetti

Join Now to Subscribe to this Podcast

Podcasts:

 Intervista ad Alessandro Lay, Festival dei Tacchi 2018 | File Type: audio/mpeg | Duration: 8:10

Riva Luigi ’69&’70: il Cagliari ai di dello scudetto, questo il titolo dello spettacolo di Alessandro Lay presentato al festival dei tacchi. Parla proprio del mito cagliaritano Gigi Riva lo spettacolo, presentato per due giorni da Alessandro Lay, all’interno del festival. Nonostante l’interprete si professi un ateo del calcio, non è rimasto indifferente ad una figura così di spicco nella nostra città. Al contrario ci racconta attraverso gli occhi dello sportivo come le parole che la gente usava, la vita e la sardegna stessa, fossero così diverse da come la vediamo oggi. Tutto è cambiato. Quando Il Cagliari vinse lo scudetto, ci racconta Alessandro, lui aveva solo 8 anni e non ricorda bene quel fatto in particolare, ma ha ben impressa nella memoria la città, i vestiti e gli album di figurine Panini che tutti i bambini collezionavano. Cosi come ricorda il ragazzo schivo e timido dal nome Luigi Riva che non apprezzava la notorietà. Oggi verrebbe definito “anti-star“, allora era solo un ragazzo che parlava poco, perchè al posto suo parlavano i suoi gol. Un lavoro di ricerca non indifferente quello di Alessandro che è riuscito tramite le interviste e le testimonianze storiche a riportare in vita una delle figure più influenti di cagliari negli anni che furono. Una produzione Cada Die Teatro, di e con Alessandro Lay, con le luci di Giovanni Schirru , il suono di Matteo Sanna e le scene di Mario Madeddu e Marilena Pittiu.

 Intervista a Luigi D’Elia – Zanna Bianca – Festival dei tacchi 2018 | File Type: audio/mpeg | Duration: 5:33

Parte proprio dal classico della letteratura firmato Jack London, lo spettacolo che Luigi D’Elia presenta alla terza giornata del Festival dei Tacchi 2018. Una storia famosa quella di Zanna Bianca che stavolta ci viene proposta in maniera inusuale. Francesco Niccolini, ovvero il regista, e Luigi D’Elia tornano a riformulare una storia a loro già nota, ma stavolta partendo dal punto di vista  dei lupi, selvatico e istintivo come si addice a queste creature cosi maestose. Un racconto che porta lo spettatore all’interno della grande foresta solo grazie alla voce dell’attore e nulla di più. Ad accompagnarlo sul palco, infatti, non troviamo alcun elemento scenico, solo lui, la storia di Zanna Bianca e la stretta relazione con il pubblico. Al centro della ricerca personale di Luigi, infatti, sta proprio il rendere le scenografia unicamente con l’utilizzo della parola e la modulazione della voce. Con la regia di Francesco Niccolini l’interpretazione di Luigi D’Eelia e il sostegno della residenza artistica di Novoli questo spettacolo ha avuto l’opportunità di crescere nel tempo e rimanere in continua evoluzione. Come dice l’interprete, l’obiettivo di eliminare completamente l’aspetto umano per favorire quello selvatico e animalesco, non è ancora stato raggiunto, ma c’è tempo.

 Intervista a Giancarlo Biffi e Chiara Aru – Ecuba – festival dei Tacchi 2018 | File Type: audio/mpeg | Duration: 19:25

Un dramma tra il mitologico e il futuristico a cura di Giancarlo Biffi per aprire in bellezza la 19esima edizione del Festival dei Tacchi. “Per un girotondo sulle macerie del mondo” questo il sottotitolo del primo spettacolo proposto per questa edizione del Festival dei Tacchi: Ecuba-ultimo atto a cura di Giancarlo Biffi.  Un anteprima di quello che verrà poi presentato nei teatri più importanti della sardegna nei prossimi mesi. Più che una tragedia greca un dramma contemporaneo, una riflessione sulla guerra e la sofferenza che porta con se. Adottando soluzioni sceniche al limite del futurismo il regista Giancarlo Biffi ci propone una storia antica, quella di Ecuba,  interpretata da Lia Careddu. Assieme a lei troviamo sul palco anche Marta Proietti Orzella, nei panni di Filò, Carla Stara come Cassandra e Chiara Aru come Polissena. A chiudere il cast Alessandro Mascia , nella figura misteriosa del Generale. Questa collaborazione tra Cada Die Teatro e Sardegna Teatro, pone le basi per una riflessione sulla perdita dei propri cari e di come la storia si ripeta tutt’oggi. Con il sostegno di Ogliastra teatro e del festival dei tacchi questa produzione vede coinvolti: alle luci Emiliano Biffi,  ai suoni Matteo Sanna, ai costumi Marco Nateri, alla scenografia Marilena pillittu e Mario Madeddu.

 Intervista a Celso Pereira e Francesca Lissia al Festival dei Tacchi | File Type: audio/mpeg | Duration: 5:17

Un cammino che unisce il linguaggio acrobatico e circense a quello delle tradizioni e dei riti popolari, sardi e non solo con Celso Pereira e Francesca Lissia. La “Compañía de circo eja” ha proposto con Celso Pereira e Francesca Lissia per questo Festival dei Tacchi una performance che unisce l’arte circense alla danza e all’interpretazione dove il limite tra il palco e il pubblico svanisce. Espera è uno spettacolo di circo interpretativo dove il pubblico diventa parte della scena nonche un complice delle acrobazie. Gli interpreti, infatti grazie alla loro delicatezza, riescono rompere con facilità la barriera tra interprete e pubblico per rendere l’atto scenico fluido e coinvolgente. Con una scenografia di evidente ispirazione ai lavori dell’artista Maria Lai e le musiche tipiche della tradizione Galiziana lo spettacolo viene condito di tradizione popolare, senza dimenticare lo stupore suscitato dalle acrobazie non indifferenti dei due atleti. La Compagnia di Circo “eia” ha ottenuto vari riconoscimenti, tra cui il Premio di Barcellona 2011 – Categoria Circo, “per il rischio assunto nella ricerca e nell’innovazione circense”  e anche il Premio MAX 2017 , per lo spettacolo inTarsi, nella categoria “Miglior Spettacolo Rivelazione”. Espera è uno spettacolo circense che offre al pubblico una stretta esperienza artistica, in modo che desiderino partecipare in prima persona e non essere spettatori, che guardino senza essere visti.

 Unica News in Arabo edizione del 15 agosto 2018 ore 19.30 | File Type: audio/mpeg | Duration: 6:04

Edizione del 15 agosto 2018 dello spazio settimanale dedicato alle notizie del territorio, cronaca, cultura ed eventi culturali. Con Unica News in Arabo rimani informato su quello accade intorno a te. Unica Radio racconta la città che cambia Condotto da Arwa Agag.Un progetto di Unica Radio in collaborazione con Assonur, all’interno del progetto SVE. FOCUS: LO SVEIl Servizio Volontario Europeo (SVE) è un’esperienza di volontariato internazionale di lungo periodo all’estero. Consente ai giovani dai 17 ai 30 anni di vivere fino a 12 mesi all’estero prestando la propria opera in un’organizzazione no-profit.Il Servizio Volontario Europeo (SVE) è un programma di volontariato internazionale finanziato dalla Commissione Europea all’interno del programma Erasmus+ e ha l’obiettivo di migliorare le competenze dei giovani.Il finanziamento della Commissione Europea comprende: copertura completa dei costi di vitto e alloggio del volontario rimborso delle spese di viaggio fino a massimale assicurazione sanitaria completa per tutto il periodo di volontariato all’estero formazione linguistica del paese di destinazione All’interno del programma Erasmus+ esistono altre azioni di mobilità internazionale come gli Scambi Culturali che consentono di viaggiare, conoscere altre culture e vivere esperienze indimenticabili con il contributo della Commissione Europea. Lo SVE è un programma di volontariato internazionale completamente gratuito per chi partecipa: la Commissione Europea infatti proibisce di chiedere quote di iscrizione o di partecipazione in qualunque forma ai volontari in partenza e tantomeno ai candidati per poter partecipare alle selezioni. Le spese di viaggio all’andata e al ritorno vengono rimborsate (è previsto un massimale a seconda della distanza) e vitto e alloggio sono coperti dal programma Erasmus+. Inoltre il volontario riceve un pocket money mensile per le piccole spese e ha diritto ad alcuni giorni di “ferie” oltre al riposo settimanale.continua su http://serviziovolontarioeuropeo.it/ ASCOLTA

 Unica News in Arabo edizione dell’8 agosto 2018 ore 19.30 | File Type: audio/mpeg | Duration: 6:04

Edizione dell’8 agosto 2018 dello spazio settimanale dedicato alle notizie del territorio, cronaca, cultura ed eventi culturali. Con Unica News in Arabo rimani informato su quello accade intorno a te. Unica Radio racconta la città che cambia Condotto da Arwa Agag.Un progetto di Unica Radio in collaborazione con Assonur, all’interno del progetto SVE. FOCUS: LO SVEIl Servizio Volontario Europeo (SVE) è un’esperienza di volontariato internazionale di lungo periodo all’estero. Consente ai giovani dai 17 ai 30 anni di vivere fino a 12 mesi all’estero prestando la propria opera in un’organizzazione no-profit.Il Servizio Volontario Europeo (SVE) è un programma di volontariato internazionale finanziato dalla Commissione Europea all’interno del programma Erasmus+ e ha l’obiettivo di migliorare le competenze dei giovani.Il finanziamento della Commissione Europea comprende: copertura completa dei costi di vitto e alloggio del volontario rimborso delle spese di viaggio fino a massimale assicurazione sanitaria completa per tutto il periodo di volontariato all’estero formazione linguistica del paese di destinazione All’interno del programma Erasmus+ esistono altre azioni di mobilità internazionale come gli Scambi Culturali che consentono di viaggiare, conoscere altre culture e vivere esperienze indimenticabili con il contributo della Commissione Europea. Lo SVE è un programma di volontariato internazionale completamente gratuito per chi partecipa: la Commissione Europea infatti proibisce di chiedere quote di iscrizione o di partecipazione in qualunque forma ai volontari in partenza e tantomeno ai candidati per poter partecipare alle selezioni. Le spese di viaggio all’andata e al ritorno vengono rimborsate (è previsto un massimale a seconda della distanza) e vitto e alloggio sono coperti dal programma Erasmus+. Inoltre il volontario riceve un pocket money mensile per le piccole spese e ha diritto ad alcuni giorni di “ferie” oltre al riposo settimanale.continua su http://serviziovolontarioeuropeo.it/ ASCOLTA

 PlaYOURope: puntata del 9 agosto 2018 | File Type: audio/mpeg | Duration: 14:59

Alza il volume! Turn up the volume! Arriva in streaming il nuovo format che racconta le storie di chi grazie ai fondi di coesione è riuscito a realizzare i propri sogni e a mettere in piedi la propria idea di impresa, PlaYOURope. In diretta streaming tutte le settimanee dal Parlamento Europeo a Bruxelles, per alcuni eventi speciali. In poco più di 15 minuti studenti e giovani professionisti dei media universitari racconteranno la politica di coesione dell’UE ed i suoi principali strumenti il Fondo Sociale Europeo (FSE) e il Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (FESR). All’interno di ogni puntata sono inserite le storie di chi, grazie a questi fondi, è riuscito ad esempio ad avviare una propria start-up ad alto contenuto di innovazione tecnologica, a rimuovere delle barriere architettoniche che impedivano la fruizione di spazi comuni o ancora a restituire alla cittadinanza beni dell’immenso patrimonio culturale a cui non si poteva più accedere. Di più: gli episodi contengono al loro interno anche un glossario (uno spazio WikiYOURope) che spiega in poco più di un minuto alcuni aspetti più controversi legati alla politica di coesione. PlaYOURope è nato dalla collaborazione tra Cesar, A.Di.S.U. e l’Associazione L’Officina con lo scopo di comunicare in modo efficace (con il supporto aggiuntivo di contenuti audio) le tante azioni della politica di coesione dell’UE che spesso non vengono comunicate nel modo corretto. I contenuti prodotti rientrano nel più ampio progetto di comunicazione Gi.Ra.Re. (Giovani e Radio per la politica Regionale) che intende aprire degli spazi di confronto e discussione tra giovani di diverse Regioni d’Italia sull

 MEDinART 2018: l’intervista a Emanuele Contis | File Type: audio/mpeg | Duration: 9:04

Unica Radio ha incontrato lo staff del MEDinArt di Samassi all’Hostel Marina di Cagliari. Abbiamo scambiato due chiacchiere col direttore artistico Emanuele Contis, che ci ha parlato del festival e del programma di questa sesta edizione Tra gli ospiti della sesta edizione i musicisti Daniela Pes, Ilaria Porceddu, Alessandro Spedicati, Emanuele Pittoni e Andrea Granitzio della Indòru Boutique del suono, tra gli altri. “Impronte” è il titolo e tema portante dell’edizione di quest’anno: le tracce, i passi e il viaggio: ogni momento del festival, dagli allestimenti, alle interviste, dai luoghi, agli ospiti, riporterà alle radici di Samassi, paese in fermento che custodisce la tradizione e diffonde l’avanguardia artistica e tecnologica, con la capacità di vivere e di rianimare una piazza medioevale come spazio del futuro. Diretto da Emanuele Contis e con il coordinamento di Mauro Montis,  il festival è organizzato dall’Associazione Internazionale Città della terra cruda e da un gruppo di giovani volontari di Samassi, è realizzato con il contributo del Comune di Samassi, SARDEX, le attività produttive e la Pro Loco di Samassi, con il sostegno della Fondazione Sardegna Film Commission e il supporto di Skepto International Film Festival. IL PROGRAMMA – Dopo il preludio dei giorni precedenti, MEDinART entra nel vivo venerdì 10 agosto alle 18.00 con l’inaugurazione di Casa Ghisu e la presentazione al pubblico del progetto Residenze Culturali. Un’ora più tardi (alle 19.00) si terrà l’incontro-racconto tutto al femminile intitolato Tra Terra e Stelle con sei donne di cultura a confronto: Isabella Breda, Daniela Pani, Maria Sciola, Betti Pau, Chiara Andrich e Ramona Ibba. A seguire il concerto al tramonto che vedrà impegnati Andrea Granitzioal pianoforte e Emanuele Contis ai sassofoni. Alle 21.30, in attesa delle stelle cadenti nella notte di S.Lorenzo, verranno proposti, come consuetudine per la rassegna, i corti selezionati dallo Skepto International Film Festival in collaborazione con la Fondazione Sardegna Film Commission e, in presenza degli autori, sarà possibile discutere su storie e aneddoti legati al backstage dei lavori proiettati. Per l’intera serata non mancherà l’intrattenimento per bambini (in collaborazione con  la ludoteca “l’Isola che non c’è” di Samassi) e le degustazioni curate dal nuovo progetto di cucina itinerante “StrEat Porta”, dalle pregiate birre artigianali sarde e i vini locali. Sabato 11 agosto MEDinART si trasferisce dalle ore 18.00 nella piazza San Geminiano con l’apertura del Med in Earth – Expò che registrerà il coinvolgimento delle associazioni e degli artigiani locali. Verrà attivata, inoltre, l’area BABY in ART con giochi e laboratori per bambini e le letture de “La conquista del fuoco” e “La Strabomba” di Mario Lodi, animati dall’associazione umanitaria Emergency. Le attività proposte permetteranno di guidare i bambini in un percorso di riflessione sulla ricchezza e il valore che si cela dietro le diversità. Nei luoghi della manifestazione saran

 Intervista a Mattia Mulas – “Here I Stay X edizione” | File Type: audio/mpeg | Duration: 14:40

Decima edizione per il più grande festival sardo dedicato alla musica indipendente. Tra  gli ospiti The Soft Moon, Meridian Brothers, Terakaft, Giuda, Omni, King Khan’s LTD, Dalila Kayros, Love Boat, Duds, Usé, Lame e molti altri Torna Here I Stay Festival, evento internazionale dedicato alla musica indipendente, rock ed elettronica organizzato dall’associazione culturale Here I Stay e giunto quest’anno al traguardo dell’edizione numero dieci. L’appuntamento è per il 10, 11 e 12 agosto nella suggestiva cornice delleterme romane di Fordongianus, in provincia di Oristano. Gli ospiti. Sul palco, allestito nel parco naturalistico e archeologico che costeggia il fiume Tirso e che fa da palcoscenico per il festival da tre edizioni, ci saranno artisti del panorama sardo, nazionale e internazionale con alcuni tra i più importanti esponenti della scena indipendente rock, rock’n’roll, garage, punk ed elettronica. Si parte dagli americani The Soft Moon, band di punta della scena dark-shoegaze ed elettro-industrial mondiale, per continuare con Meridian Brothers, proposta futurista d’avanguardia colombiana e gruppo cult in America Latina, i Terakaft, formazione tuareg proveniente dal Mali pioniera del desert-rock con alcuni membri dei leggendari Tinariwen, gli Omni, band eccentrica, originaria di Atlanta, le cui sonorità riportano al rock-pop di fine degli anni ‘70, King Khan’s Ltd, nuova all-star punk-rock band, con membri dei Magnetix e degli Shrines, e ancora dalla Francia Usé, dall’Inghilterra Duds, dalla Spagna Nestter Donuts. Dalla penisola arrivano i Giuda, senza dubbio la band punk rock italiana più apprezzata sullo stivale e non solo, Dalila Kayros, musicista e ricercatrice vocale sarda, considerata tra le maggiori esponenti della scena musicale sperimentale italiana, Lame eYonic South. Grande attesa per il ritorno sul palco della più divertente party band isolana, i Love Boat; completeranno la line up i sardi Pussy Stomp, Ugly Sounds e Telephant. ASCOLTA L’INTERVISTA

 PlaYOURope: puntata del 2 agosto 2018 | File Type: audio/mpeg | Duration: 15:00

Alza il volume! Turn up the volume! Arriva in streaming il nuovo format che racconta le storie di chi grazie ai fondi di coesione è riuscito a realizzare i propri sogni e a mettere in piedi la propria idea di impresa, PlaYOURope. In diretta streaming tutte le settimanee dal Parlamento Europeo a Bruxelles, per alcuni eventi speciali. In poco più di 15 minuti studenti e giovani professionisti dei media universitari racconteranno la politica di coesione dell’UE ed i suoi principali strumenti il Fondo Sociale Europeo (FSE) e il Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (FESR). All’interno di ogni puntata sono inserite le storie di chi, grazie a questi fondi, è riuscito ad esempio ad avviare una propria start-up ad alto contenuto di innovazione tecnologica, a rimuovere delle barriere architettoniche che impedivano la fruizione di spazi comuni o ancora a restituire alla cittadinanza beni dell’immenso patrimonio culturale a cui non si poteva più accedere. Di più: gli episodi contengono al loro interno anche un glossario (uno spazio WikiYOURope) che spiega in poco più di un minuto alcuni aspetti più controversi legati alla politica di coesione. PlaYOURope è nato dalla collaborazione tra Cesar, A.Di.S.U. e l’Associazione L’Officina con lo scopo di comunicare in modo efficace (con il supporto aggiuntivo di contenuti audio) le tante azioni della politica di coesione dell’UE che spesso non vengono comunicate nel modo corretto. I contenuti prodotti rientrano nel più ampio progetto di comunicazione Gi.Ra.Re. (Giovani e Radio per la politica Regionale) che intende aprire degli spazi di confronto e discussione tra giovani di diverse Regioni d’Italia sull

 Unica News in Arabo edizione del 1 agosto 2018 ore 19.30 | File Type: audio/mpeg | Duration: 6:04

Edizione del 1 agosto 2018 dello spazio settimanale dedicato alle notizie del territorio, cronaca, cultura ed eventi culturali. Con Unica News in Arabo rimani informato su quello accade intorno a te. Unica Radio racconta la città che cambia Condotto da Arwa Agag. Un progetto di Unica Radio in collaborazione con Assonur, all’interno del progetto SVE FOCUS: LO SVE Il Servizio Volontario Europeo (SVE) è un’esperienza di volontariato internazionale di lungo periodo all’estero. Consente ai giovani dai 17 ai 30 anni di vivere fino a 12 mesi all’estero prestando la propria opera in un’organizzazione no-profit. Il Servizio Volontario Europeo (SVE) è un programma di volontariato internazionale finanziato dalla Commissione Europea all’interno del programma Erasmus+ e ha l’obiettivo di migliorare le competenze dei giovani. Il finanziamento della Commissione Europea comprende: copertura completa dei costi di vitto e alloggio del volontario rimborso delle spese di viaggio fino a massimale assicurazione sanitaria completa per tutto il periodo di volontariato all’estero formazione linguistica del paese di destinazione All’interno del programma Erasmus+ esistono altre azioni di mobilità internazionale come gli Scambi Culturali che consentono di viaggiare, conoscere altre culture e vivere esperienze indimenticabili con il contributo della Commissione Europea. Lo SVE è un programma di volontariato internazionale completamente gratuito per chi partecipa: la Commissione Europea infatti proibisce di chiedere quote di iscrizione o di partecipazione in qualunque forma ai volontari in partenza e tantomeno ai candidati per poter partecipare alle selezioni. Le spese di viaggio all’andata e al ritorno vengono rimborsate (è previsto un massimale a seconda della distanza) e vitto e alloggio sono coperti dal programma Erasmus+. Inoltre il volontario riceve un pocket money mensile per le piccole spese e ha diritto ad alcuni giorni di “ferie” oltre al riposo settimanale. continua su http://serviziovolontarioeuropeo.it/ ASCOLTA

 Intervista a Valentina Banci – “MedeAssolo in scena per Identità Nuragiche” | File Type: audio/mpeg | Duration: 12:56

Dopo il successo del concerto al tramonto offerto dal duo composto da Antonello Salis e Sandro Satta la scorsa domenica (29 luglio), il cammino di “Identità Nuragiche” prosegue con la settima tappa in calendario: venerdì 3 agosto alle 19.30  nel suggestivo scenario del complesso di Romanzesu a Bitti andrà in scena la rappresentazione MedeAssolo (dalla tragedia di Lucio Annio Seneca) a cura di Bam Teatro con al centro l’attrice Valentina Banci, le scene di Lorenzo Banci e le musiche di Arturo Annecchino. MedeAssolo nasce dalla traduzione di Seneca e si arricchisce della modernità a cui la consacra Heiner Muller e degli innesti mitteleuropei nell’adattamento e riscrittura che ne fa Paolo Magelli, declinando la partitura per voce sola. Il tradimento e la guerra, la difficoltà a sentirsi parte di qualcosa, di una comunità, di una famiglia e l’orizzonte piatto e inquietante, senza segni, che sembra spalancarsi inesorabile davanti agli occhi di Medea: sono questi stessi temi a ben pensare la traccia della inquietudine del nostro presente? Riproporre l’opera, protagonista del Teatro fin dal 431 AC, come se non fossero bastate così tante epoche e tentativi a raccontarla, riscriverla oggi sulla scena ha più significato che mai. Medea è un personaggio che insegue e fa interrogare perché -pure in un vuoto ed una disperazione desolante- prova ad essere se stessa, a infrangersi contro la sua autenticità e a dispetto di tutto, a viversi, seppure nel dolore. Rilancia con la sua identità di straniera, “barbara della Colchide” il concetto di straniero e la sua inclusione, professa l’amore eppure raggiunge l’abisso del gesto amoroso. Percorre tutto Medea, cerca continuamente una strada, compensa a suo modo, come può, si lascia vivere sapendo in fondo che la lotta è essa stessa vita. Il perimetro familiare diventa platea delle guerre e delle esplosioni dei rapporti umani: chi non ci ha pensato mai, almeno una volta? ASCOLTA L’INTERVISTA A VALENTINA BANCI

 Unica News in Arabo edizione del 25 luglio 2018 ore 19.30 | File Type: audio/mpeg | Duration: 6:04

Appuntamento con l’informazione di Unica News in Arabo. Ogni mercoledì alle ore 19.30 in onda su Unica Radio. Spazio settimanale dedicato alle notizie del territorio, cronaca, cultura ed eventi culturali. Con Unica News in Arabo rimani informato su quello accade intorno a te. Unica Radio racconta la città che cambia. Condotto da Arwa Agag Un progetto di Unica Radio in collaborazione con Assonur, all’interno del progetto SVE. FOCUS: Lo sve Il Servizio Volontario Europeo (SVE) è un’esperienza di volontariato internazionale di lungo periodo all’estero. Consente ai giovani dai 17 ai 30 anni di vivere fino a 12 mesi all’estero prestando la propria opera in un’organizzazione no-profit. Il Servizio Volontario Europeo (SVE) è un programma di volontariato internazionale finanziato dalla Commissione Europea all’interno del programma Erasmus+ e ha l’obiettivo di migliorare le competenze dei giovani. Il finanziamento della Commissione Europea comprende: copertura completa dei costi di vitto e alloggio del volontario rimborso delle spese di viaggio fino a massimale assicurazione sanitaria completa per tutto il periodo di volontariato all’estero formazione linguistica del paese di destinazione All’interno del programma Erasmus+ esistono altre azioni di mobilità internazionale come gli Scambi Culturali che consentono di viaggiare, conoscere altre culture e vivere esperienze indimenticabili con il contributo della Commissione Europea. Lo SVE è un programma di volontariato internazionale completamente gratuito per chi partecipa: la Commissione Europea infatti proibisce di chiedere quote di iscrizione o di partecipazione in qualunque forma ai volontari in partenza e tantomeno ai candidati per poter partecipare alle selezioni. Le spese di viaggio all’andata e al ritorno vengono rimborsate (è previsto un massimale a seconda della distanza) e vitto e alloggio sono coperti dal programma Erasmus+. Inoltre il volontario riceve un pocket money mensile per le piccole spese e ha diritto ad alcuni giorni di “ferie” oltre al riposo settimanale. continua su http://serviziovolontarioeuropeo.it/ ASCOLTA

 Unica Lavoro puntata del 29 luglio 2018 ore 8 | File Type: audio/mpeg | Duration: 3:06

Appuntamento del 29 luglio 2018 con l’informazione e il mondo del lavoro.  Tre incontri quotidiani alle ore 8, 15 e 21 in onda su Unica Radio. Spazio giornaliero dedicato al lavoro e alle offerte per i neolaureati e i giovani. Le opportunità di mobilità internazionale, stage e tirocini a portata di click. Scopri le offerte proposte quotidianamente negli appuntamenti di Unica Radio nell’appuntamento del 29 luglio 2018. In questa puntata parleremo di Ryanair ricerca assistenti di volo, cabin crew day ad agosto; Amazon annuncia nuovi posti con contratti a tempo indeterminato; Ersu bando borse di studio; Condotto da Giancarlo Piaccia Rimani sempre informato su quello che accade nella tua città. Segui Unica Radio nei social oppure iscriviti al canale Telegram Cagliari Eventi News. Scopri come fare!  ASCOLTA

Comments

Login or signup comment.